Fondazione

Home > On line Diary > Osservatorio Italia > Welcome Culture: "Quel bel palazzetto bello di via Merulana"

Welcome Culture: "Quel bel palazzetto bello di via Merulana"

Welcome Culture: "Quel bel palazzetto bello di via Merulana"

Nella fotografia: Palazzo Merulana, fotografia di Prisma.

Testo in inglese non disponibile:

Nata nel 2014, la Fondazione Elena e Claudio Cerasi custodisce una delle più importanti collezioni private di arte contemporanea, incentrata in particolare sulla scuola romana del Novecento. Novanta le opere, tra capolavori di Giacomo Balla, Mario Sironi, Giorgio De Chirico, Antonio Donghi, Mario Mafai, Antonietta Raphaël e Giuseppe Capogrossi.

La collezione è ospitata all’interno di Palazzo Merulana: l’ex “Edificio di Igiene” sito in via Merulana 121, recuperato grazie ad una importante ristrutturazione durata più di 5 anni, vive una nuova realtà, configurandosi oggi come crocevia culturale e di contatto tra diverse realtà della Capitale. Il palazzo è stato interamente ristrutturato a cura della società della famiglia Cerasi, la SAC spa, la stessa che ha realizzato il MAXXI di Roma. La convenzione con il Comune di Roma Capitale è della durata di 90 anni.

Come il vecchio “Ufficio di Igiene”, dove il piano terreno costituiva il portico d’ingresso, anche Palazzo Merulana accoglie il visitatore nella nuova “Sala delle sculture”, nella quale si trovano un bookshop e una caffetteria. Al piano terra si trova anche il “giardino urbano”, uno spazio ideato dai fondatori come luogo di distensione e relax, in antitesi con la frenesia dell’adiacente via Merulana.

Il secondo e il terzo piano ospitano il cuore della collezione pittorica e scultorea dei Cerasi, costituita da un cospicuo numero di capolavori di pittura e scultura italiana tra le due guerre. Lo spazio espositivo invita i visitatori ad accomodarsi sui divani disposti tra le opere di Giorgio De Chirico, Giacomo Balla, Antonio Donghi, Giuseppe Capogrossi ed altri.

Nata come omaggio alla cultura romana, la raccolta Cerasi si è ampliata nel tempo verso opere relative ad altri contesti italiani del medesimo periodo. Una selezione di queste opere compare sia al piano terra, tra le sculture, sia nella zona del secondo piano che è dedicata a mostre temporanee, e che sono quindi esposte in maniera non permanente.

Il quarto piano dell’edificio è dedicato ad attività culturali ed eventi enogastronomici. Completa l’edificio la terrazza, un luogo privilegiato di osservazione su via Merulana e sul panorama del centro di Roma: la terrazza è aperta al pubblico in occasioni di eventi e iniziative culturali ed è disponibile in esclusiva per eventi privati e aziendali.